Fotografando la Città Giardino

Sabato pomeriggio di sole, caldo quasi estivo nonostante sia solo la prima settimana di un’aprile già colorato dalle fioriture degli alberi da frutto. Carico la batteria della mia Nikon, ho intenzione di rispolverare quella passione che coltivo da mezzo secolo, quando  da bambina mi dilettavo a scattare foto con una Voigtländer a fuoco fisso, per poi sperimentare attorno ai 12 anni la prima reflex, una pesantissima Kiev e raggiungere il mio piccolo sogno nel cassetto a 16 anni, acquistando una Nikkormat di seconda mano dopo aver trascorso le vacanze estive spese a lavorare come baby sitter. Dovrò scattare molte foto per acquisire nuovamente quel colpo d’occhio che avevo un tempo, quando potevo esibire foto in bianco e nero veramente belle che stampavo personalmente. Quindi parto con destinazione Varese con l’unico presupposto di fotografare tutto quando cattura la mia attenzione per poi fare un esame critico una volta scaricate le immagini sul mio laptop. Scatto di getto, scatto cercando l’inquadratura che più mi convince, faccio  le solite foto mediocri da cartolina… non si usano più le pellicole, ogni volta che pigio l’otturatore la spesa è pari a zero, quindi meglio abbondare che deficere. La luce non è delle migliori, pieno sole del primo pomeriggio mentre preferisco di gran lunga quella calda del tramonto, ma è solo la prima uscita e me la faccio andar bene. Tra tutte le foto scelgo quella che pubblico a corredo di questo post, la vetrina di un locale storico della Città Giardino, un gioco di specchi con il primo piano della promozione del dolce tipico pasquale di produzione propria con i relativi auguri per l’imminente festività, le altre le pubblico come sempre su Instagram anche se un pò troppo scontate, ma almeno faccio conoscere la mia città. Poco soddisfatta di questa prima uscita, avrei potuto fare meglio e soprattutto un ripasso preventivo delle tante funzioni della mia Nikon mi avrebbero consentito di scattare foto con alcuni effetti che mi ero prefissata di sperimentare senza fare i conti con la luce. Quindi una tiratina d’orecchie non me la leva nessuno e mi riprometto di prepararmi a dovere per la prossima volta. Alla prossima!!!!

Foto ©tremaghi

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...