Io sto con gli alberi

Tutte le volte che in ufficio sento partire la stampante multifunzione ho un travaso di bile. Non sopporto chi lancia stampe o fotocopie con il massimo menefreghismo, sia nei confronti dell’azienda e sopratutto per le risme di carta gettate al vento così per leggerezza, vuoi per non perdere tempo ad impostare il fronte-retro, piuttosto che selezionare le pagine che realmente servono o fare un’antemprima per verificare se la stampa ha la corretta impaginazione.
Ormai si tende a digitalizzare tutti i documenti ed è così anche nell’azienda in cui lavoro, dove si potrebbe risparmiare tempo e fatica anche per l’archiviazione, ma ben pochi colleghi sono propensi a optare per l’utilizzo solo telematico.
Sprechi di carta e di raccoglitori per archiviare cose facilmente reperibili anche nel server, costi per risme, toner e manutenzione delle macchine.
Non riesco a tacere davanti a tanto menefreghismo e così mi sono resa antipatica alle colleghe con le quali condivido l’uso della stampante multifunzione, facendo le pulci sulle loro copie e stampe, sottolineando che non sono necessarie… una vera e propria scassa maroni, sperando che prima o poi mi ascolteranno.
Non mi parlano più, ma non importa. In ufficio non devo far salotto, basta solo rispetto, collaborazione e buona educazione per convivere nell’ambiente di lavoro, anzi, meno chiacchere si fanno, migliore è l’efficienza.
Forse non sanno che comunque l’uso di stampanti laser multifunzione non è proprio salutare, basterebbe documentarsi nel web per sapere che in fondo in fondo le polveri sottili emesse entrano anche nei nostri polmoni, oltre che depositarsi sulla superficie della scrivania.

La cultura del risparmio di carta non è radicata in molte menti, come volessero ignorare le sue origini. Secondo una stima del WWF per produrre un chilo di carta comune (quella utilizzata normalmente nelle stampanti) sono necessari 0,7 kg di cellulosa. Per produrre un kilogrammo di cellulosa servono 0,0036 metri cubi di legno. Una risma da 500 fogli di carta formato A4 (21 x 29,7 cm) da 80 grammi, al metro quadro pesa 2,494 kilogrammi. Per produrla servono quindi 2,494 x 0,7= 1,7458 kg di cellulosa, equivalenti a 0,00628 metri cubi di legno. Da un pino di diametro medio e alto 15 metri si ricava un metro cubo di legno, che secondo questi calcoli si traduce in 159 risme di carta, ossia 79.500 fogli (fonte http://www.focus.it).

Mi permetto di dare un consiglio a chi fa un uso sconsiderato di fotocopiatrici e stampanti, un buon libro, Intelligenza ecologica di David Goleman, un saggio del 2010 ma sempre attuale per chi pensa che non è grazie a una propria buona azione si salva il pianeta.

Foto ©tremaghi

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...