Pizziamo?

Quanto ti adoro pizza!!!!!
Non so resisterti, potresti essere il mio pane quotidiano e ti giuro, non mi stancherei mai di te. Semplice o ricca, bianca o con farina integrale, delizi sempre e comunque il mio palato.
Mi basta sentire il tuo profumo per inebriarmi, per farmi scattare la voglia, anche quando ti presenti ai miei occhi sotto forma di anonimi tranci esposti nelle vetrine dei panifici catturi la mia attenzione. Continue reading “Pizziamo?”

#Lezione1

L’ho scritto in precedenza, non ho molti amici, non perché mi ritengo asociale, bensì perché essere amici sottintende tante cose…. essere presenti in caso di bisogno e soprattutto essere sinceri e leali, pilastri fondamentali di qualsiasi rapporto. Ho sempre classificato le mie amicizie in due gruppi, quelle forti e quelle meno “vincolanti” nate da anni e anni di frequentazioni magari dovute ad interessi comuni e comunque almeno da parte mia non meno importanti. Continue reading “#Lezione1”

Rigenerarsi

Voglia di iniziare il week end con il piede giusto, con un qualcosa che possa fare bene allo spirito e disintossicarmi dalla stanchezza e dalle tensioni della settimana appena trascorsa. Adoro i paesaggi lacustri e una tranquilla passeggiata tra i colori autunnali della ciclo pedonale del piccolo e tranquillo lago di Comabbio è quello che ci vuole. Partiamo appena alzato il sole, quando i suoi ancora deboli raggi s’intravedono tra la foschia mattutina che dona ai paesaggi un che di mistico. L’aria è frizzantina, la si sente volentieri sul viso mentre  fa danzare  foglie secche piovono dagli alberi e che si muovono come fiocchi di neve multicolori, i colori caldi di questo caldo autunno. Continue reading “Rigenerarsi”

Mille bolle blu

Quanto sono belle le bolle di sapone! Compagne d’infanzia, un semplice gioco che rapisce  ogni bambino e non solo. Sfere perfette e delicatissime, che nascono da un soffio e si librano danzando al ritmo dell’aria per il tempo della loro breve vita. Fragili ed evanescenti, racchiudano i colori dell’arcobaleno, rapiscono l’attenzione per la loro bellezza. Le bolle di sapone sono come i sogni, chimere che volano sulle ali della fantasia per poi svanire improvvisamente, lasciando un dolce ricordo e una ventata di allegria.

Foto di ©tremaghi

Romanticismo ottobrino

Quanti romantici tramonti mi ha regalato questi primi dodici giorni di ottobre, magici momenti che trascorro in contemplazione dei meravigliosi colori del cielo.  Attimi rasserenanti, che infondono pace e tranquillità, che svuotano la mente. Poi ci sono tramonti che disegnano un qualcosa di astratto, che si prestano a diverse interpretazioni a secondo dello stato d’animo in cui vivo quel momento, come il caldo abbraccio al sole dato da due alberi, quasi volessero salutarlo e proteggerlo mentre si inabissa all’orizzonte. Nuvole leggere che colorano il cielo, a far da cornice a questo tenero abbraccio, quasi a volerne esaltare la nota romantica.  Come Giusy e il mio gemello di compleanno Carlo non so resistere alla bellezza di un tramonto di qualsiasi stagione, devo fotografarlo con gli occhi del cuore, quelli delle persone sensibili ed amanti delle cose semplici.

Foto di ©tremaghi

Aspettando Giove in Scorpione…

Manca poco, ancora un pò di pazienza…..l’undici di ottobre è vicino. E’ iniziato l’autunno e il mio morale è sotto le scarpe nonostante ho sempre apprezzato questa stagione e questo mese appena cominciato. Sicuramente l’incidente di agosto mi ha lasciato un segno per ora indelebile, anzi, che ancora troppo spesso il mio inconscio mi fa rivivere con terrore. Sabato ho messo la macchina fotografica al collo dopo quel giorno e la sensazione è stata pessima. Nonostante quel ciclone di positività di nome Rita che mi ha letteralmente trascinato nella maratona fotografica, mi sentivo legata, impedita e soprattutto a disagio nel scattare foto, cosa che non mi è mai successa nella mia vita, amando quest’arte con tutta me stessa. Continue reading “Aspettando Giove in Scorpione…”

Profumo di caldarroste

Ottobre, il mese in cui ai miei tempi si iniziava la scuola con il grembiule bianco ed il fiocco azzurro, quando alle elementari regalavano ai bambini un salvadanaio nella Giornata del Risparmio e non si sapeva ancora cosa fosse Halloween. Ricordi indelebili. Foglie gialle, rosse e marroni tessono colorati tappeti naturali sulle strade dei viali alberati e nei boschi, che donano due dei frutti più buoni di questo mese, i funghi e le castagne. L’arancione della zucca e dei dolci cachi porta un’allegra nota di colore nei miei piatti  autunnali, assieme al giallo della polenta che inizia ad accompagnare le classiche pietanze stufate dei mesi freddi. Continue reading “Profumo di caldarroste”